NOVITA’ PRODOTTO MADE EXPO 2013

Sta per partire il Made Expo 2013, “punto di incontro privilegiato tra aziende, progettisti, imprese di costruzione, serramentisti, rivenditori e operatori del settore”. È il contesto altamente qualificato per:nuove occasioni di business in Italia e all’estero; dialogo con le istituzioni e le principali realtà del settore e rilancio del mondo del progetto, dell’edilizia e dei materiali. L’appuntamento è dal 2 al 5 di ottobre a Milano. Scopriamo alcune delle novità che saranno presentate in fiera. Frama presenterà la pergola Sintesi. Sintesi è un prodotto innovativo, dagli ingombri di impacchettamento in larghezza ed altezza ridotti di almeno il 20% rispetto agli standard esistenti sul mercato. Il suo scorrimento, che avviene in luce alle guide, è nascosto dalle stesse guide quando è completamente disteso. Volta ci farà conoscere un termoigrometro con indicatore LCD a 3 righe per indicare contemporaneamente l’umidità dell’aria, la temperatura di questa e il punto di rugiada, dotato di un secondo sensore ad infrarossi per misurare senza contatto la temperatura superficiale. La combinazione di questi due metodi di misura permette una veloce e precisa localizzazione di aree, in cui la temperatura sia al di sotto di quella di rugiada e perciò a rischio di formazione muffa, causata dalla condensa. A MADE EXPO sarà possibile vedere Keope E5, la troncatrice a due teste a lame ascendenti per tagli compositi, ammiraglia della sua categoria nel catalogo Fom Industrie.  E ancora i Bizantini porteranno in fiera il Bioquarzo, una superficie di nuova generazione frutto di un processo di sinterizzazione che utilizza altissime temperature ed esclude la presenza di leganti plastici e di resine. Le principali caratteristiche: “resistenza ai prodotti chimici domestici, all’usura, all’abrasione, al graffio; la superficie è idrorepellente, anti-macchia, non subisce dilatazioni termiche, non teme agenti atmosferici esterni ed i raggi U.V.”Il materiale è indicato per qualunque ambiente interno ed esterno, per pavimentazioni, rivestimenti, scale, top cucine-bagno, pareti ventilate.

LEGNOMAGIA A TOKYO

legnomagiaLegnomagia nasce con la missione del piacere di vivere, ha seguito da sempre il percorso della ricerca nel design e nell’uso dei materiali ecologici e naturali nel rispetto per la vita sana e la salvaguardia dell’ambiente in cui viviamo.

Quest’anno è presente al 75° Gift Show di Tokyo dal 6 al 8 febbraio 2013

Legnomagia ha scelto di dare la  forma più piacevole ai gesti quotidiani come  fare colazione, mangiare, dormire, cucinare, apparecchiare, appendere, conservare lontano dalla fretta e  dalla superficialità, lontano dal prodotto massificato, ripetitivo e senza
qualità.
Vicino al vivere bene

CAKE DESIGN MANIA ANCHE A NATALE

Possiamo parlare ormai di “Cake design mania”, l’arte di decorare i dolci nei modi più stravaganti, torte che diventano dei veri progetti d’arte e viceversa, libero spazio alla fantasia insomma. Un design tutto da mangiare. Intere città che diventano montagne di zucchero, coloratissimi trenini di pan di spagna, castelli principeschi di panna montata. E adesso tocca al panettone. I grandi pasticceri stanno lavorando per portare sotto l’albero le loro interpretazioni del panettone. Si sono riuniti a Brescia per il XIX Simposio dei maestri pasticceri e hanno dato sfogo alla loro arte bianca per il dolce delle feste.

Spazio allora a modelli classici, a quelli più glamour e innovativi, alle nuove tendenze per un cake design col cappello rosso e la barba bianca. Renne al cioccolato, casette imbiancate ricolme di regali zuccherosi. E ancora montagne di neve realizzate col torrone bianco, alberi, pupazzi di neve, stelle, confetti colorati. Cascate d’oro, bianco e immancabili rosso e verde. Vere opere d’arte che è quasi un peccato mangiare. Arte e bontà si sposano insieme, anche a Natale.

OUTLET DELL’ARREDAMENTO: IL DESIGN ANTI-IKEA IN OFFERTA

Negli ultimi anni per l’arredamento delle nostre case, vuoi per gusto vuoi nella gran parte dei casi per necessità economiche, ci siamo affidati al colosso Ikea che ormai in tutto il mondo offre mobili a prezzi accessibili, penalizzando in qualche caso la resa e la qualità dei mobili. Chi di noi però sfogliando riviste di casa o navigando in internet non ha sognato un pezzo particolare di design, un mobile di un grande marchio, dovendoci quasi subito rinunciare proprio a causa del costo? Bene. Finalmente sono nati gli outlet dell’arredamento. “Molte aziende celebri dell’arredamento infatti sono sbarcate nel mondo degli outlet monomarca o multimarca, oppure sul web, per offrire sconti considerevoli sui prezzi di listino”. Sono Factory outlet con sconti dal 30 al 70 % su articoli di noti marchi del design italiano. Spesso in questi outlet troviamo pezzi che hanno arredato uno shooting fotografico o articoli fuori produzione o usciti per liquidazione di fine stagione. Oggetti quindi inarrivabili, normalmente costosissimi, entrano in casa nostra. Ecco alcuni esempi di outlet dell’arredamento: Design Outlet Italiano (foto a sx): una vera e propria cittadella del design, dell’arredamento e dell’oggettistica rigorosamente made in Italy, che dopo avere inaugurato il primo centro a Santhià, ne apre ora uno a Colonnella, in provincia di Teramo. O più semplicemente basterà andare sul sito www.outletarredamento.it e non dovrete più rinunciare ad avere la casa dei vostri sogni.

LA GIUSTA LUCE IN CASA, ECCO COME FARE

Creare l’illuminazione giusta in un appartamento è sicuramente una delle cose più difficili da fare ma anche una delle cose fondamentali ai fini di un buon arredamento. Sicuramente, però, pochissimi di noi si soffermano a riflettere su “come illuminare la casa”. Non basta, infatti, posizionare una lampada su un comodino per avere la luce giusta per una bella lettura; o ancora acquistare una grande piantana e pretendere che da un angolo si illumini tutta la sala. E tutt’al più non basta un lampadario imponente per dare la giusta illuminazione al nostro tavolo da pranzo. Sapere come illuminare e come posizionare correttamente i punti luce permette di valorizzare uno spazio e creare l’atmosfera giusta in un’abitazione. Ci sono diversi fattori da tenere in considerazione quando si acquista una fonte luminosa: “dimensioni e forma dei locali da illuminare; attività che siamo soliti svolgere al loro interno; tempo in cui mediamente la lampada resta accesa nella giornata; disposizione dell’arredamento e colori dei muri”.

  Partiamo dalla cucina: qui la luce deve occuparsi di varie attività come illuminare fuochi, piani da lavoro e tavolo da pranzo. “La cucina necessita, in quanto luogo di lavoro di una ottimale illuminazione, intensa e priva di ombre”. Quindi oltre all’illuminazione generale dell’ambiente cucina, possiamo aggiungere punti luce sul piano da lavoro con faretti da incassare sul lato inferiore dei pensili.

Arrivati nel soggiorno, ci troviamo di fronte uno degli ambienti più complessi da illuminare per le diverse attività che vi si svolgono. Dovremo dotare la stanza di un sistema di illuminazione specifico per ogni zona. Ci sarà bisogno di luci dirette, indirette, diffuse, molti riflettori orientabili da montare su un binario a soffitto o incassati. Ad esempio la zona Tv necessita di una luce non troppo intensa per non affaticare la vista quindi andranno bene faretti incassati abbinati a lampade da terra. Per leggere un libro, posizionate la luce alle vostre spalle, vanno bene sia una lampada da appoggio che da terra. Per illuminare singoli oggetti nelle vetrine o quadri, ideali sono i faretti collocati direttamente sul quadro o nella vetrina stessa. Concludiamo la nostra guida in camera da letto dove è sempre meglio abbinare alla luce generale (lampadario, plafoniera..), luci per comodini, specchi e armadio. Importante è che la luce dei comodini sia isolata e non disturbi chi è accanto e vuole riposare. Per la nostra cabina armadio andranno benissimo faretti alogeni o tubi fluorescenti affinchè non danneggino tessuti o alterino i colori dei nostri capi. Faretti orientabili per gli specchi. La zona notte riguarda anche i ragazzi dove sicuramente vengono svolte tante attività. In fase di acquisto luci, basterà ricordare che oltre alla fonte generale a soffitto, dobbiamo dotare la stanza di una lampada da tavolo per la scrivania dove si svolgono i compiti, ricordando che “la luce deve provenire dal lato opposto della mano con cui scriviamo, e un faretto orientabile a muro o una lampada da appoggio per il comodino. Da evitare invece, soprattutto se avete figli piccoli, piantane e lampade a terra che nel gioco potrebbero essere urtate e diventare oggetti pericolosi per i bimbi”.