IL FESTIVAL DELL’ENERGIA: ROMA, DUE GIORNI DEDICATI AL SETTORE ANTI-CRISI

I Grandi parlano di energia. Dal 24 al 25 maggio 2013 a Roma, presso l’Università LUISS Guido Carli, si discuterà di economia, politica, sostenibilità e innovazione in occasione del Festival dell’Energia, giunto alla sua sesta edizione. L’evento è promosso dall’ associazione no profit Aris - Agenzia di Ricerche Informazione e Società e da ItaliaCamp - in partnership con Assoelettrica,  FederUtility Anigas e con il patrocinio e la collaborazione del Politecnico di Milano, dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e della LUISS Guido Carli. Democrazia dell’energia, l’eta’ d’oro del gas, policy ambientale e i nuovi mestieri dell’energia sono alcuni dei temi che verranno affrontati durante le due giornate. Tutti coloro che interverranno nella prima giornata,venerdì 24,  prenderanno parte a dibattiti, talk show, workshop sui temi dell’efficienza, dell’accesso all’energia, delle infrastrutture e delle strategie economiche e delle politiche per lo sviluppo energetico. Il sabato sarà invece dedicato al Barcamp dell’Energia, spazio dedicato all’energia sostenibile e alle tecnologie “cleantech”. Tre sessioni in contemporanea ospiteranno interventi da 5 minuti da parte di quanti vorranno condividere progettualita’ e idee relative a tre macro tematiche: diritto all’energia, cultura dell’efficienza energetica e reti intelligenti. Adolfo Spaziani, direttore generale di Federutility: “Anche quest’anno Federutility, la federazione delle aziende del comparto energetico e idrico, rinnova la partnership con il Festival dell’Energia per riflettere sul presente e il futuro del settore, considerato strategico per la crescita economica del Paese in un’ottica di sostegno all’occupazione e di sviluppo di tecnologie ‘green’.

IN CUCINA CON L’ENERGIA SOLARE, IN ARRIVO IL FORNO “SOLARE” FAI DA TE

fai da teL’energia solare per cucinare. Sì può grazie ad un forno solare in arrivo nelle nostre cucine. Leggero e facile da usare, questo forno cucina e riscalda tutto ciò che vogliamo utilizzando proprio l’energia solare e quindi senza il minimo spreco. Naturalmente ci sono i pro e i contro. Se da un lato il forno solare è garanzia di risparmio, tutela dell’ambiente e del nostro cibo, dall’altro è più lento a riscaldarsi, a cuocere e inutilizzabile nelle giornate di cattivo tempo. E anche vero però che provato che il forno solare è “il modo migliore per sfruttare la potenza del sole è quella di investirla per la produzione di calore e il modo migliore per sfruttare questo calore è cucinare cibi squisiti senza l’uso di combustibili fossili”. Le novità non finiscono qui. Perché questo ultra-moderno elettrodomestico solare possiamo costruircelo da soli in casa: “bastano due scatole di cartone, una più grande dell’altra, un taglierino, un foglio di alluminio e della vernice a spray nera. Inoltre, bisogna disporre di riflettori che permettano di mantenere il calore all’interno delle scatole. Oltretutto, i riflettori sono indispensabili per catturare la luce solare e per concentrarla direttamente sul piano di cottura. Una base in legno fornisce al forno un ottimo isolamento. Per consentire un ottimo flusso di calore, la parte anteriore del forno deve essere costituito da vetro.

L’ENERGIA SI RINNOVA ANCHE “SOSTENENDO” L’AMBIENTE

Hera ha presentato il progetto per promuovere la bolletta on-line, in premio per i Comuni aderenti più alberi nella città. “Elimina la bolletta, regala un albero alla tua città”, è il progetto lanciato da Hera a Modena in una conferenza stampa cui hanno partecipato Cristian Fabbri, Amministratore Delegato di Hera Comm, Roberto Gasparetto, Direttore Hera di Modena e i 5 Assessori dei comuni aderenti: Modena, Castelfranco Emilia, Formigine, Sassuolo e Vignola. Il progetto promuove la bolletta on-line in favore di un minor consumo di carta e quindi in un nobile senso ambientalista. Questa iniziativa vuole naturalmente premiare tutti coloro che sceglieranno la bolletta on-line con la messa a dimora di 2.000 nuovi alberi, contribuendo così alla creazione o allo sviluppo di aree verdi urbane. Se pensiamo che un albero può assorbire nel suo intero ciclo di vita (30 anni) fino a 3 tonnellate di CO2, i vantaggi dell’invio elettronico sono chiari. La bolletta on-line porta benefici rilevanti rispetto alle tradizionali bollette cartacee che implicano l’utilizzo di un significativo quantitativo di carta, associato alle emissioni e ai consumi derivanti dalla loro produzione e trasporto. Senza dimenticare gli impatti della loro successiva gestione come rifiuti. L’obiettivo della campagna è aumentare di almeno 100.000 unità le adesioni alla bolletta on-line, evitando così l’utilizzo di quasi 2.400.000 fogli di carta all’ anno. Nel dettaglio: al suo raggiungimento Hera metterà a dimora 2.000 alberi (1 ogni 50 contratti), facendosi carico anche dei costi di successiva manutenzione per 3 anni: al traguardo intermedio delle 25.000 bollette on-line saranno piantumati i primi 500 alberi. A ciascun Comune verrà donato un numero di alberi in proporzione ai residenti: Modena ne avrà 100, Formigine, Castelfranco Emilia e Sassuolo 50 ciascuno, Vignola 35.