Imposta i cookie per ricevere le notifiche Panicale Cashmere

Panicale Cashmere

Tel: 075774357
Fax: 075774490

Panicale Cashmere

Linea 075

Le creazioni che fanno riferimento a Panicale cashmere hanno l’invidiabile caratteristica di essere costantemente rivolte al futuro, individuando esegnando tendenze all'insegna dell’estrema qualità dei filati e della cura dei particolari. Ai capi di maglieria che hanno fatto dell’azienda perugina un punto di riferimento per i maggiori gruppi tessili italiani si sono aggiunte da qualche anno lineedi assoluta avanguardia, a cominciare dalla esclusivissima “Panicale Golf”, pensata e realizzata per i golfisti e per gli appassionati di questo sport all’aria aperta contessuti altamente tecnici che tuttavia mantengono intatte le proprie caratteristiche di eleganza e unicità. La creatività e l’intraprendenza diRosita Panicale sonoandate comunqueoltre,approdandoalla creazione della linea “075”, pensata e realizzata per dare un’aria di freschezza e novità alle collaudate e apprezzate collezioni di Panicale cashmere. Ilnuovo brand è caratterizzato da filati nobili chesonoil risultato della costante ricerca dei materiali e nelle tendenze che lega noi capi “075” a un autentico lifestyle. la peculiarità delle creazioni “075” è la vestibilitá slim, asciutta, adatta all’uomo che vuole evadere dallo stile classico, e ideale per il giovane che trova una seconda pelle in una collezione che propone un originalità autentica, capace di rendere unico un capo rivisitato nelle tonalità inconsuete dalle quali risuona anche il fascino del vecchio stile. Fra classico e moderno, le idee di Rosita Panicale stanno facendo breccia anche all’estero,come testimonia la grande attenzione che importatori tedeschi, giapponesi e anche russi stanno seguendo l’evolversi dei cataloghi e la produzione di capi ispirati all’eleganza, alla vestibilità e alla voglia di essere sempre al passoconi tempi.Anzi, sepossibile avanti. A stimolare il guardare oltre della product manager di Panicale cashmere ci sono anche le piacevoli “sorprese” garantite dallaprofessionalità con cui la “maison” perugina lavora. Non più tardi di poche settimane fa, le creazioni dell’azienda di Pila sono state scoperte anche da un importatore degli Emirati Arabi Uniti, che in un battibaleno- e non c’è da sorprendersi - ha visto soddisfatta la sua curiosità.

Panicale Cashmere

Panicale Cashmere

Contattaci

Panicale Cashmere

Panicale Cashmere

Non basta il cashmere per fare capi d’alta moda morbidi, caldi, colorati e capaci di incontrare il gusto del pubblico. Ci vuole l’orgoglio, “ingrediente” a sorpresa per chi realizza capi d’abbigliamento,ma determinante.L’orgoglio non si compra. Si avverte, si vive, si interpreta e, nel caso di Panicale cashmere, si tramanda. E’ successo proprio questo fra papà Mario e mamma Soliera, i fondatori, e la figlia Rosita, che ne ha raccolto il testimone ma soprattutto ha continuato a svilupparne la filosofia d’impresa. Un “credo” che Mario Panicale ha identificato sempre nelguardare avanti all’insegna dell’ottimismo e senza paura di accettare nuove sfide. Filosofia spicciola, si dirà, ma terribilmente calzante per un’azienda che vive la propria attività come una sfida quotidiana da vincere mettendo in gioco prima di tutto se stessi,l’amore e la passione per il proprio lavoro, vivendo qualsiasi genere di problema come un’opportunità per crescere.Non c’è dunque da sorprendersi di fronte agli ottomila capi all’anno che nel 1998 diventano 26mila per arrivare ai 200mila di adesso. Dal 1964, quando l’allora muratore Mario Panicale decise assieme alla moglie di dare vita a una piccola aziendadi maglieria, di acqua sotto i ponti ne è passata davvero a fiumi. Ciò che non è cambiato è la voglia di fare e soprattuttol’orgoglio di rappresentare la propria terra. Oggi come allora, Rosita e il suo staff puntano esclusivamente su una filiera rigorosamente “made in Umbria”.Ogni tappa, nella realizzazione dei prodotti Panicale cashmere, si realizza nel raggio di pochi chilometri dal “cuore” dell’azienda, che è a Pila,nell’immediata periferia ovest di Perugia. “In questo modo-confessano sia Rosita che papà Mario - difendiamo orgogliosamente la nostra terra, la nostra regione e le persone che ci lavorano. E indirettamente pensiamo di aiutare l’Umbria ad affermarsi al di fuori dei propri confini. Non di rado capitache i nostri clienti, arrivati per ragionare di maglie e capi d’abbigliamento, si trattengono in Umbria più del previsto per ammirarne le bellezze e apprezzarne le eccellenze dell’enogastronomia”. Anche il cashmere, una delle eccellenze della nostra regione, può contribuire insomma a promuoverla a livello mondiale. Cashmere ambasciatore dell’Umbria, tanto più seinterpretato con l’originalità che riescono a esprimere i modelli creati da Rosita Panicale.“Mi ispiro a qualsiasicosa che mi circonda, sia per i colori che per i modelli. E per evitare di dimenticarmi mando sms a qualsiasi ora allemie collaboratrici. L’ultimo era sui colori del campionario per il prossimo anno, per il quale sono convinta che sia ora di tornare a colori vivaci, così da suscitare emozioni positive nella gente. Oltre la crisi, che si sta manifestando con i colori tenui e per certi versi anonimi di questi periodi, si può andare anche in questo modo. Bisogna avere il coraggio di osare, di suggerire e di ascoltare, come capita a me nel rapportarmi per esempio con il nostro settore commerciale, che alla fine è quello che ha più il polso della situazione per il fatto di essere direttamente a contatto con chi vende i nostri prodotti”. Settore commerciale alla guida del quale c’è Renzo Minelli, marito di Rosita, anche lui cresciuto in azienda seguendo le orme di Mario Panicale, dal quale ha appreso non soltanto la passione ma anche la determinazione nello stare al fianco della clientela: “Il nostro segreto, secondo me, è proprio questo. Siamo affidabili e flessibili, in modo tale da rappresentare una certezza per chi si affida a noi. La nostra capacità di riassortire i clienti è di pochissime settimane e questo spesso fa la differenza”. La flessibilità è figlia di una struttura collaudata nell’arco degli oltre quarant’anni di vita di Panicale cashmere: a Pila batte il “cuore” dell’azienda, mentre all’esterno operano i cosidetti “gruppi”, piccole strutture che realizzano parti specifiche della produzione in stretto contatto con il management guidato da Rosita Panicale. Per avere sempre la situazione sotto controllo, ogni capo è contraddistinto da un codice a barre, in modo tale che in qualsiasi momento si possa sapere a che punto è la produzione anche se questa si sta compiendo lontano da Pila. Segreto o “uovo di Colombo” che sia, certo è che questo genere di approccio, ispirato a una cura dei dettagli che non è solo legata allo stile vero e proprio ma tira in ballo anche l’organizzazione del lavoro, viene estremamente apprezzata da coloro che scelgono Panicale cashmere. Oltre a negozi e boutique, fanno rotta verso la stanza dei bottoni di Pila anche prestigiosi marchi internazionali,che qui realizzano le proprie produzioni di pregio. Così progettate,le creazioni Panicale non incontrano problemi di alcun genere nei mercati. “La crisi - sorride Rosita - qui non la stiamo avvertendo e questo ci rende ancor più determinati nell’andare avanti e nel continuare a produrre secondo questo genere di approccio. Orgogliosamente possiamo dire di essere un’azienda in cui la distinzione fra il cosidetto ‘padrone’ e il dipendente non esiste. Non lo vogliamo,noi per primi,perché siamo convinti che il modo migliore per crescere e consolidarsi sia quello di condividere gli obiettivi dell’azienda anche al di fuori del management. Solo così, tante volte senza guardare l’orologio, penso che sia possibile raggiungere obiettivi che, a primavista,paiono irraggiungibili”. L’orizzonte che si sta profilando davanti a Panicale cashmere è comunque in costante evoluzione,come testimonia tutta una serie di “indicatori” privilegiati, primi fra tutti l’appeal che l’azienda sta avendo sui grandi gruppi tessili e gli eventi nei quali è protagonista,non ultimo Pitti Immagine Uomo dello scorso giugno, nel quale è stata presentata la collezione primavera-estate 2013. Quando si aprono “porte” del genere, la sensazione di aver imboccato la strada giusta non è più tale, ma si sta trasformando in certezza.

Panicale Cashmere

Panicale Cashmere

Contattaci

Panicale Cashmere

Capi Autentici a Tg Focus Economia

Panicale Cashmere presenta a Pitti Uomo 2012 le proprie inimitabili creazioni in cashmere

Panicale Cashmere

Panicale Cashmere

Contattaci